Chi Siamo

La combriccola dei Lillipuziani nasce in Emilia-Romagna, nell’estate del 2005 dall’incontro di Matteo Giorgetti (diplomato in Nuoveau Cirque presso la scuola di teatro di Bologna A.G. Garrone e diplomato come prestigiatore illusionista presso Accademia di Arte Magica Sanmarinese) ed Emanuele Tumolo (Scuola di teatro fisico Philippe Radice di Torino e laureato in discipline dello spettacolo dal vivo al DAMS di Bologna) accomunati dalla passione per la clownerie, il teatro di strada, il nuovo circo e un senso del comico ironico e dissacrante.

In seguito alla frequentazione di stage e corsi di formazione sul teatro di strada e sulla figura del clown (tra cui Compagnia dei Ciarlatani, Peter Weyel, Pierre Byland, Andrè Casaca), nel 2005 Emanuele e Matteo presentano il loro primo lavoro, “Casino Royal”, spettacolo di giocoleria comica e clownerie che perfezioneranno ed arricchiranno nel corso degli anni, che vanta importanti partecipazioni a numerosi festival, rassegne e manifestazioni di vario genere in tutt’Italia.

Il duo si caratterizza per la sua versatilità, la capacità di improvvisare con il pubblico, e la voglia di mettersi in gioco che li porta ad inserire nei propri spettacoli differenti discipline e ad adattarle sempre a differenti situazioni e ad un pubblico di ogni età; e anche a cercare sempre nuovi stimoli e collaborazioni come ad esempio quella con l’amico fachiro Alessandro Paolini.

Dal 2008 al 2014 la Combriccola dei Lillipuziani collabora artisticamente con il parco tematico Italia in Miniatura di Rimini, dove incontrerà Beppe Chirico, clown e intrattenitore di lungo corso, che entrerà a far parte in pianta stabile della compagnia; diplomato alla scuola “laboratorio internazionale dell’attore” di Firenze e successivamente specializzatosi in tecniche di clown con i fratelli Colombaioni e Mario Cavallero. Precedentemente alla collaborazione con la Combriccola dei Lillipuziani Beppe Chirico ha lavorato con la compagnia Saltimbancomat (Rita Pelusio, Corrado Nuzzo e Beppe Chirico) e con i Commedianti di Urbino  (compagnia di trampolieri).

Dalla collaborazione con il parco tematico nascerà una fortunata produzione: “Comicops” spettacolo di genere slapstick ispirato ai film muti anni 30, che diventerà lo spettacolo stabile del parco e rimarrà in cartellone per tre stagioni consecutive.

Nel corso degli anni la Combriccola dei Lillipuziani darà vita ad altre produzione proprie come “Rimedioevo”, (spettacolo di giullaria medievale presentato nelle principali rievocazioni storiche nazionali), e ad altri spettacoli che torneranno ad avvicinarsi alla magia e al teatro; nascono così   “Cirque Baul” (spettacolo di nuoveau cirque e clownerie) e “il Prof. Inkapaciovich”, spettacoli di teatro ragazzi che uniscono al teatro di prosa discipline circensi e illusionistiche.

Dal 2010 la Combriccola dei Lillipuziani collabora attivamente con l’associazione culturale Mulino di Amleto teatro di Rimini, all’interno del quale tiene corsi di piccolo circo, teatro per bambini, clown, giocoleria per adulti e dove cura la rassegna di teatro ragazzi “il Mulino dei Piccoli”.

Da questa collaborazione nasceranno due co-produzioni con Mulino di Amleto teatro di Rimini, tutt’ora in circuitazione all’interno di spazi teatrali e rassegne.

Uno dei tratti distintivi della compagnia risiede nella continua ricerca e sperimentazione di nuovi format e stili rappresentativi, per questo la Combriccola dei Lillipuziani è in grado di proporre contenuti ed intrattenimento per eventi pensati ad hoc per il cliente e all’interno di contesti e tematiche particolari.

Matteo Giorgetti​

Nasce nell’inverno del 1987, stanco, infreddolito e sottopeso, unico figlio maschio di una famiglia molto cattolica, che vanta ben quattro sorelle, scopre l’amore per il teatro e il cinema riconoscendosi in una delle maggiori serie televisive della sua infanzia, Settimo Cielo e crede che non sia un caso l’essere venuto alla luce lo stesso anno della longeva soap opera Beutiful.

In tenera età vide suo nonno soffiarsi il naso in un fazzoletto di stoffa e da allora iniziò, quasi affascinato da quel mondo vintage, questa desueta pratica senza rendersi conto di stare crescendo con il cervello di un 50 enne impiantato nel suo esile corpicino che continuava ad essere visibilmente sottopeso, risultando così fin dai primi anni d’infanzia “vecchio dentro”.

Iscritto al liceo classico, scopre un amore per il greco, il latino e le scienze naturali talmente forte che, una volta diplomato, decide di iscriversi ad un’accademia di circo e teatro. Il suo amore per l’infanzia è paragonabile a quello del protagonista del romanzo di “IT” di Stephen King, per questo si dedica al teatro di strada, al teatro ragazzi e alla magia comica cercando così di realizzare il sogno di una vita: essere un mago comico per bambini che vive sotto un ponte.

CV di Matteo Giorgetti

Emanuele Tumolo​

Classe 1986, alto 187 cm dall’età di 14 anni, cresce di ben 18 centimetri tra i 12 e 13 anni, dando un nuovo significato alla frase

“nato nell’anno dell’esplosione di Chernobyl”. 

Cresciuto in mezzo agli animali, sviluppa una forte empatia verso l’universo felino, tanto da assumerne alcuni tratti fondamentali come il dormire 18 ore al giorno, vivere di notte e mangiare erba gatta.

Laureato in filosofia e DAMS, amante della letteratura, prova in ogni modo a darsi un’aria da intellettuale per giustificare il suo scarsissimo successo con il gentil sesso.

Oltre al teatro di strada si dedica al teatro contemporaneo, improvvisazione, monologhi comici e ultimamente persino la radio, tutto pur di non lavorare.

CV di Emanuele Tumolo